ASSOCIAZIONE SICILIANA CACCIA E NATURA
Home
Chi Siamo
Obiettivi
La Struttura
Cinofilia
Caccia e Natura
Ambiti T. Caccia
Cal. Venatorio
I Convegni
Itinerari Sic.
Leggi e Decreti
Notizie Utili
Tesseramento
In. Parlamentari
Indirizzi Utili
Dicono di Noi
Dicono di Loro
Risate a ...
Le Ricette
Tiro a Volo
Le Novità
A.S.C.N. Informa
Ricerca
Esami Venatori
La Nostra Pagina

linea.gif (1154 byte)

in_par.jpg (27491 byte)

linea.gif (1154 byte)

Le speculazioni politiche ed animaliste

sulla tragedia di Zafferana Etnea

“Atto Secondo”

Così come annunciato in un’intervista rilasciata alla testata giornalistica La Sicilia e il Giornale di Sicilia di mercoledì 22 settembre u.s., tanto per non smentirsi, l’Onorevole Salvatore Morinello unitamente ad i suoi colleghi Parlamentari Villari, Giannopolo, Speziale, Uenza e Panarello, nel corso dell’ultima seduta d’Aula del mese di ottobre, hanno presentato un emendamento modificativo alla legge 33/97. L’emendamento che di seguito riportiamo integralmente, tendeva a mortificare ancora una volta quella fascia di cittadini italiani colpevoli di nutrire simpatie ed aspirazioni venatorie.

Aggiungere il seguente articolo:

“Art. ...   1.  All’articolo 21 della legge regionale

1 settembre 1997, n. 33, è aggiunto il seguente comma:

 4. Durante la stagione venatoria è vietato ai minorenni, ancorché accompagnati, l’accesso alle aree riservate ove si esercita l’attività venatoria ai sensi della presente legge. E’ fatto, comunque, divieto ai cacciatori di farsi accompagnare da minorenni durante le battute di caccia in aree e territori non delimitati.

Villari, Giannopolo, Speziale, Uenza, Panarello, Morinello

Purtroppo, dobbiamo constatare come certi personaggi, soffrano di rigurgiti del peggior comunismo sovietico, in cui lo Stato, ritenendo i cittadini degli incapaci e da tutelare in tutto, impediva anche di educare i propri figli.

 L’Associazione Siciliana Caccia e Natura, unitamente a tutti i suoi soci cacciatori, vuole ringraziare pubblicamente l’Onorevole Salvo Fleres (Vice Presidente Vicario all’A.R.S.) che nel pieno rispetto della sua carica Istituzionale, consapevole che tutti i cittadini in uno Stato democratico devono godere diritti e pari dignità in ugual misura, ha dichiarato improponibile l’emendamento. Tale atto di giustizia, non ha consentito di mortificare ulteriormente il popolo dei cacciatori.

                                                                   A.S.C.N.

 

 
Precedente Home Su Successiva