ASSOCIAZIONE SICILIANA CACCIA E NATURA
Home
Chi Siamo
Obiettivi
La Struttura
Cinofilia
Caccia e Natura
Ambiti T. Caccia
Cal. Venatorio
I Convegni
Itinerari Sic.
Leggi e Decreti
Notizie Utili
Tesseramento
In. Parlamentari
Indirizzi Utili
Dicono di Noi
Dicono di Loro
Risate a ...
Le Ricette
Tiro a Volo
Le Novitā
A.S.C.N. Informa
Ricerca
Esami Venatori
La Nostra Pagina
linea.gif (1154 byte)

in_par.jpg (27491 byte)

linea.gif (1154 byte)

Anticipata conclusione della stagione venatoria dell'anno 1998/1999 a causa del ricorso delle Associazioni Ambientalistiche e per il relativo accoglimento del TAR di Catania

L'assemblea Regionale Siciliana

Premesso che:

- in data 24 dicembre 1998 il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia, sezione staccata di Catania (sez. III) ha accolto provvisoriamente e temporaneamente la domanda di sospensione in tutto il territorio della Regione Siciliana dell'esecuzione dell'impugnato calendario venatorio da parte di Legambiente-Comitato regionale Siciliano, WWF- Associazione Italiana per il World Wildlife Fund Delegation Sicilia, LAV Lega Antivivisezione;

Considerato che:

- come č noto, la vicenda ricalca quanto oggetto di contestazione da parte di Legambiente, WWF e LAV con il ricorso giurisdizionale dinanzi al TAR depositato nel mese di novembre 1997;

- in quell'occasione, a seguito dell'ordinanza del TAR e della contestuale devoluzione della questione di legittimitā costituzionale, il CGA, con ordinanza n. 1041 del 19-12-97, ha annullato l'ordinanza cautelare n. 3121 del TAR di Catania, ritenendo inesistenti i presupposti per la sospensiva;

- l'oggetto del giudizio culminato nell'odierna ordinanza di sospensione e annullamento identico a quello giā oggetto di ricorso ed in corso di giudizio del CGA;

Ritenuto che:

- il TAR di Palermo, investito della vicenda, ha rigettato l'istanza cautelare

che, alla fine di un tortuoso e strumentale iter processuale inventato ad arte dai ricorrenti, il TAR di Catania ha viceversa ritenuto di accordare;

- l'Assessorato Regionale Agricoltura e Foreste, nelle more della proposizione dell'appello, avrebbe potuto non sospendere l'esercizio venatorio, in osservanza ad un orientamento giurisprudenziale che da facoltā all'Amministrazione di non sospendere l'esecuzione, tenuto conto dell'orientamento giā espresso nell'anno 1997 sul medesimo oggetto da parte dei CGA:

Impegna

il Governo Regionale data la strumentale ed artificiosa richiesta da parte delle associazioni ambientalistiche, che č scaturita in una sospensione di fatto dell'attivitā venatoria, ad intervenire a seguito del disposto del CGA, che si presume adottato in data 20/21 gennaio, a ristabilire nei confronti del mondo venatorio, giustizia e pertanto provvedere al rimborso della tassa regionale per il periodo di preclusione dell'attivitā venatoria medesima, ovvero in subordine, nel caso di un accoglimento del diniego della sospensiva, una proroga al mese di febbraio pari ai giorni oggetto della strumentale sospensiva dell'attivitā venatoria.

(Fleres)            (Beninati)               (Bufardeci)                 (Alfano)             (Croce)

 

Precedente Home Su Successiva