ASSOCIAZIONE SICILIANA CACCIA E NATURA
Home
Chi Siamo
Obiettivi
La Struttura
Cinofilia
Caccia e Natura
Ambiti T. Caccia
Cal. Venatorio
I Convegni
Itinerari Sic.
Leggi e Decreti
Notizie Utili
Tesseramento
In. Parlamentari
Indirizzi Utili
Dicono di Noi
Dicono di Loro
Risate a ...
Le Ricette
Tiro a Volo
Le Novità
A.S.C.N. Informa
Ricerca
Esami Venatori
La Nostra Pagina
linea.gif (1154 byte)

pr_ag.jpg (30262 byte)

linea.gif (1154 byte)

Armerie
Ambiti Territoriali di Caccia
Specie cacciabili presenti nella provincia

lineblu.jpg (1459 byte)

Agrigento, città della Sicilia (55.283 ab.), capoluogo della provincia omonima (476.158 ab.), situata sulla sommità di un colle, a pochi km dalla costa del canale di Sicilia, dove probabilmente era stata posta l'acropoli della città greca.

La provincia, situata nel settore sudoccidentale dell'isola, comprende anche le isole di Lampedusa, Linosa e Lampione. Solo 116 del suo territorio è pianeggiante; il resto è collinoso e montuoso (monti Sicani). Il suolo è prevalentemente di natura gessoso-solfifera, soggetto a frane e smottamenti. Due sono i fiumi principali, il Platani e il Salso, entrambi poveri d'acqua (come tutti gli altri torrenti minori, che nei mesi estivi sono quasi completamente asciutti). I centri principali sono, oltre al capoluogo, Canicattì, Favara, Ravanusa, Ribera, Palma di Montechiaro.

*Storia

Nel luogo dove già probabilmente sorgeva un insediamento siculo fondato, all'inizio del Vi secolo. A.C., ad opera dì coloni greci di Rodi, che circa un secolo prima aveva dato origine anche a Gela. Divenuta in breve tempo città prospera e potente, tale da rivaleggiare con gli altri grandi centri greci dell'isola, A. si scontrò per circa due secoli con l'espansionismo Cartagine. Dopo aver concluso (488 a.C.) un'alleanza con la città punica, che le valse un periodo di relativa tranquillità, fu distrutta e saccheggiata nel 406 e poi definitivamente sottomessa dai Cartaginesi (383). Verso la metà dello stesso secolo, grazie alla riscossa generale dei Greci di Sicilia, culminata con la vittoria sui Cartaginesi (340), la città poté riprendere un ruolo di grande importanza, giungendo a rivaleggiare con la stessa Siracusa. Tuttavia all'inizio della prima guerra punica si alleò con Annibale, permettendogli di fortificare l'acropoli. Assediata e presa dai Romani (262), poi riconquistata dai Cartaginesi sette anni dopo, ebbe le mura abbattute e le case incendiate. Durante la seconda guerra punica servì di nuovo come base ai Cartaginesi, ma fu poi favorita da Roma che nel 205 a.C. per opera dì Scipione l'Africano le concesse i diritti municipali. Prospera e importante per tutto il periodo imperiale, A. decadde a causa dell'invasione prima dei Vandali (429 d.C.) e poi dei Goti (490).Dominio bizantino con tutta la Sicilia, fu conquistata dagli Arabi (827) tornando ad essere un importante centro economico per quasi due secoli. Conosciuta ormai con il nome di Girgenti, fu tra le ultime città della Sicilia di cui s’impadronirono i Normanni (1087); poi divenne sede vescovile e di contea. Infeudata alla fine del XI sec. ai Chiaromonte, fu dichiarata demaniale. In epoca risorgimentale sì sollevò allo sbarco di Garibaldi in Sicilia. Durante la seconda guerra mondiale, fu occupata dagli Angloamericani (luglio 1943).

*Arte

Del periodo greco resta lo splendido complesso monumentale della Valle dei templi, massima testimonianza dello stile dorico in Italia: il tempio della Concordia è l'unico rimasto intatto dei templi di Eracle, Era Lacinia, dei Dioscuri e di Esculapio restano imponenti rovine. All'interno della città, dove sono scarse testimonianze degli edifici che dovevano costituire l'acropoli, si trova la chiesa di Santa Maria dei Greci (XIII secolo.), con portale ogivale e interno a tre navate con affreschi del XIV secolo., l'abbazia di Santo Spinto (trasformata in epoca barocca) e la cattedrale che, iniziata probabilmente verso la fine dell'XI secolo, conserva le forme di una ricostruzione effettuata nel XIII-XIV secolo. Altro periodo rappresentato ad A. è quello barocco, con numerose chiese (San Domenico, Santa Caterina, dell'Addolorata, dell'Assunta, San Francesco) e alcuni edifici, come il Palazzo Costa e il municipio.

 
Precedente Home Su Successiva