ASSOCIAZIONE SICILIANA CACCIA E NATURA
Home
Chi Siamo
Obiettivi
La Struttura
Cinofilia
Caccia e Natura
Ambiti T. Caccia
Cal. Venatorio
I Convegni
Itinerari Sic.
Leggi e Decreti
Notizie Utili
Tesseramento
In. Parlamentari
Indirizzi Utili
Dicono di Noi
Dicono di Loro
Risate a ...
Le Ricette
Tiro a Volo
Le Novità
A.S.C.N. Informa
Ricerca
Esami Venatori
La Nostra Pagina

linea.gif (1154 byte)

Dal "www.corriere.it" del 6 febbraio 2014

Animalisti chiedono un monumento
ai polli morti negli incidenti stradali

La richiesta sollevata dagli attivisti Peta dopo l’ennesima strage, uno scontro tra un camion carico di bestiame e un’auto

Un monumento per ricordare i polli morti in un incidente stradale. Questa la singolare richiesta di un avvocato della Peta (People for the Ethical Treatment of Animals), associazione impegnata sul fronte dei diritti degli animali, che ha presentato un’istanza formale al dipartimento dei Trasporti della Georgia perché sia realizzato un monumento in pietra che ricordi “la strage” dei polli americani sulle strade.

LA STRAGE - L’incidente che ha sollevato la richiesta dell’associazione animalista risale al 27 gennaio. Sulla strada statale 129 in prossimità di Gainesville, vicino Atlanta, si sono scontrati un camion carico di bestiame, guidato da un agricoltore locale, e un’auto. I conducenti dei due veicoli sono rimasti illesi. Ma i polli che erano a bordo dell’automezzo agricolo sono morti quasi tutti, a causa del violento impatto. Se la richiesta della Peta sarà accettata, sul luogo dell’incidente sarà posta una lapide che ricorderà i polli.

Il 6 settembre 2000 un impavido cacciatore, ben consapevole delle difficoltà, si accinge ad un compito quasi impossibile: far valere i propri diritti.

Ben tre mesi dopo, ottiene che la sua pratica inizi ad essere esaminata...

Riuscirà il "nostro eroe" a concludere felicemente la perigliosa impresa?!...

Continua l'avventura del nostro impavido cacciatore...

che indomito procede lungo l'impervio cammino, arriverà mai alla meta?!...

Da "La Sicilia" del 3 agosto 2000:

Torino: Multata per cani in auto, ci vogliono 8 mq per animale
 

TORINO - Ormai tutti sanno che i cagnolini d'estate non vanno abbandonati. Ciò che invece molti ancora non sospettano è che, se si decide di andare a fare delle commissioni con Fido e, per qualsiasi motivo lo si lascia in macchina, si rischia di prendere una multa salata. E' ciò che è successo, ieri mattina a Torino, a Sara Murlo, una signora di Venaria alla quale due guardie zoofile dell'Enpa hanno inflitto un'ammenda di 50 mila lire. Colpa della donna è di aver lasciato due husky per circa un'ora chiusi nel portabagagli della sua station wagon, regolarmente attrezzato con una rete divisoria. La legge però stabilisce, le hanno spiegato le due guardie, uno spazio non inferiore agli 8 metri quadrati per cane. «Questo può valere per la casa in cui gli animali vivono - si è difesa la signora Murlo - ma non per un'auto, dove fra l'altro i cani trascorrono pochissimo tempo. Altrimenti dovrei utilizzare un camion per trasportarli». Altra accusa per cui la multa è stata fatta è quella di non aver assicurato una adeguata quantità d'acqua e una corretta alimentazione ai due animali. «I cani solitamente non mangiano in macchina - fa notare Sara Murlo - ma forse, da domani, sarà meglio attrezzarsi o meglio attrezzare la propria autovettura per evitare di incorrere nelle sanzioni delle scrupolose guardie zoofile dell'Enpa».

 

 

 
Precedente Home Successiva